archivio

Archivi tag: big data

Vi ricordate di Eddie Choi? Digital marketer con laurea in sociologia e un MBA, da molti anni lavora in una multinazionale di servizi per eventi e fiere. Nel 2014 era stato ospite di Exhibitionist e aveva riscosso un grande successo con il suo intervento sulle opportunità digitali per fiere ed eventi.

In questi anni Eddie ha continuato ad esplorare le frontiere della trasformazione digitale e il ruolo giocato dal face to face, tanto che uno dei suoi lavori più recenti è l’ideazione di un evento per Google, Google Developer Days China.

Eddie torna a Milano martedì 6 novembre, con una lecture dal titolo provocatorio, “Il presente non può aspettare il futuro”, che coniuga Intelligenza Artificiale e Design Thinking. Si tratta di una riflessione sull’incapacità di usare al meglio i Big Data, sull’urgenza di applicare l’intelligenza artificiale e il machine learning nelle attività di ogni giorno e sui problemi che questo genera. La sua presentazione è un’occasione per analizzare il ruolo che la tecnologia ricopre nella generazione e nella condivisione di valore.

L’intervento si svolge all’interno Artificial Intelligence Expo of Application (AIXA), evento organizzato da Fiera Milano Media – Business International in coproduzione con Mico – Milano Congressi. AIXA ha l’obiettivo di esplorare le diverse applicazioni dell’Intelligenza Artificiale sull’intero ciclo della produzione e del business: dalle implementazioni di nuova generazione sulla progettazione e sul manufacturing, al ruolo delle tecnologie avanzate nella trasformazione della distribuzione e delle strategie di mercato e di comunicazione, fino alla mutazioni del rapporto stesso con i clienti. La giornata del 6 novembre, in particolare, è dedicata al ruolo delle nuove tecnologie nella trasformazione digitale del mondo retail.

Ci vediamo martedì 6 novembre alle 18, in fieramilanocity, negli spazi di MiCo, in via Gattamelata 5. La partecipazione a Exhibitionist è gratuita, ma prima è necessaria la registrazione al seguente link.

 

Recentemente in un articolo l’Economist ha scritto che per il nostro secolo i dati sono quello che il petrolio è stato per il novecento: un motore di crescita e cambiamento. Quando parliamo di dati parliamo di tutte quelle tracce digitali che lasciamo ogni volta che clicchiamo “mi piace” su Facebook, cerchiamo un prodotto su Amazon, paghiamo con la carta di credito, usiamo una tessera fedeltà di un qualunque punto vendita o teniamo semplicemente il cellulare in tascaLa loro mole è imponente, tanto che sempre più spesso si sente parlare di Big Data: la società di ricerche di mercato Idc prevede che nel 2025 “l’universo digitale” raggiungerà i 180 zettabyte (180 + 21 – ventuno! – zeri).

Anche gli organizzatori di fiere e i quartieri fieristici raccolgono dati dei loro clienti, ottenuti ad esempio quando espositori e visitatori compilano i moduli di adesione, scaricano le app delle manifestazioni, selezionano i settori preferiti, utilizzano le nuove tecnologie come i beacon. Ma poi cosa se ne fanno? Non molto, a giudicare dai risultati di un sondaggio di eventsforce: solo il 18% usa i dati raccolti con continuità, il 60% li usa sporadicamente, il 20% non lo fa ma vorrebbe farlo e il 2% non si pone il problema.

I dati raccolti ed elaborati porterebbero ad una migliore conoscenza delle esigenze dei clienti, fino ad arrivare ad una personalizzazione dell’offerta: ad esempio sarebbe più chiaro agli occhi degli organizzatori il cosiddetto customer journey, ossia il “viaggio” che porta espositori e visitatori in fiera partendo dalla consapevolezza del bisogno (ben prima di varcare i cancelli della fiera) fino ad arrivare allo spostamento fisico. Le ricadute sono positive anche per l’organizzatore, non solo perché migliora la soddisfazione del cliente, ma anche perché si potrebbero scegliere gli investimenti in comunicazione e servizi in loco in funzione delle reali esigenze degli utilizzatori.

Insomma, un’occasione da non perdere, come il nuovo incontro con Exhibitionist! Parleremo di Big Data e delle opportunità che derivano dalla loro analisi con Antonietta Mira, professore di statistica presso l’Università dell’Insubria e l’Università della Svizzera Italiana, dove dirige l’InterDisciplinary Institute of Data Science

Via aspettiamo giovedì 13 luglio alle 19.00 (ingresso a partire dalle 18.30) in Fondazione Fiera Milano, Viale Boezio 15. La partecipazione è gratuita ma prima vi chiediamo di registrarvi seguendo questo link.

Mira Antonietta_pop

 

 

E’ questa la domanda a cui risponderemo domani, 24 maggio, durante il quattordicesimo incontro di Exhibitionist, dedicato alla manifattura digitale e alle prospettive per le imprese italiane.

Dopo l’incontro dell’anno scorso con Denis Santachiara, che ha affrontato la manifattura digitale dal punto di vista delle potenzialità per il design, abbiamo chiesto ad Alessandra Lanza, partner di Prometeia e responsabile delle Strategie Industriali e Territoriali, di parlare di manifattura digitale con un focus sulle opportunità per il Made in Italy.

L’integrazione del digitale nei processi e nelle produzioni industriali come trasformerà il settore manifatturiero? Le imprese italiane sono in grado di affrontare questo cambiamento e come stanno reagendo alle opportunità offerte dalla stampa 3D e dall’Internet delle cose?

le tecnologie abilitanti

Vi aspettiamo domani, 24 maggio, alle 19, in Fondazione Fiera Milano, Viale Boezio 15. Per registrarvi cliccate qui