archivio

Archivi tag: eventi virtuali

La più grande crisi che il mondo abbia affrontato dalla Seconda Guerra Mondiale e il più grande disastro economico dalla Depressione degli anni ’30.

È con queste parole che il Financial Times definisce il periodo che stiamo per affrontare. Mentre il mondo sta ancora affrontando la pandemia, gli economisti si chiedono come sarà possibile una ripresa, come uscire dal “Grande Shutdown”.

L’Economist parla di “economia del 90%”: le nazioni asiatiche che hanno sotto controllo il virus (Cina, Corea del Sud) sembra che avranno una produzione nazionale ridotta al 90% del suo potenziale, a causa delle regole di social distancing. Tre sono le caratteristiche dell’economia del 90%: è fragile (sarà difficile pianificare), meno innovativa (la perdita di occasioni di comunicazione face-to-face porterà a meno idee) e più ingiusta (aumenta il divario tra ricchi e persone con un reddito inferiore).

Il mondo delle fiere e degli eventi guarda con preoccupazione ad un futuro poco stabile e incerto, consapevole del fatto che per riuscire a tornare alla normalità c’è bisogno che prima ripartano settori come quello del turismo e dei trasporti e che si garantiscano condizioni di sicurezza per evitare possibili contagi.

In questo momento di crisi globale, ci sono però dei settori che stanno avendo successo. Cloud computing, social network, software aziendali, streaming, logistica e delivery hanno registrato dei volumi senza precedenti. Nel giro di 3 mesi i partecipanti attivi di Zoom sono passati da 10 milioni al giorno a 300 milioni (Microsoft, Google e Cisco seguono molto da vicino); Amazon, già leader del settore, sta diventando una public utility; e durante il lockdown i Gen Z di tutto il mondo hanno coinvolto i loro genitori per fare video su Tik Tok (l’app cinese ha superato i 2 miliardi di download ad aprile), tanto da attirare l’attenzione di Trump. Mentre il mondo dell’entertainment è in ginocchio a causa di cinema chiusi, set bloccati e parchi di divertimento che hanno dovuto licenziare il personale, lo streaming e i videogiochi stanno vivendo il loro periodo d’oro. Disney plus, il servizio di video streaming della Disney lanciato a novembre 2019, ha superato i 60,5 milioni di iscritti, mentre Netflix ha aggiunto 26 milioni di abbonati solo nel primo semestre del 2020.

Le best practice più interessanti vengono però dal mondo dei videogiochi. Nintendo pubblica la serie Animal Crossing dal 2001, ma sebbene questi videogiochi abbiano sempre avuto un discreto successo soprattutto in Asia, nessuno si sarebbe aspettato l’ossessione che tutti avrebbero avuto per Animal Crossing New Horizons, gioco per la console Switch uscito il 20 marzo, nel pieno della pandemia. Cerimonie di laurea, matrimoni, appuntamenti virtuali e addirittura un talk-show: non ci sono limiti a quello che gli utenti hanno fatto all’interno del gioco. Da semplice videogioco di vita simulata dai disegni semplici e con musiche rilassanti, Animal Crossing è diventato un vero e proprio social network dei tempi del coronavirus.

Fortnite, gioco free-to-play battle royale, ha fatto parlare di sé ben prima della pandemia, sia grazie alla popolarità che ha tra i ragazzi under 25, sia per le sempre più numerose operazioni di marketing all’interno del videogioco. Il concerto virtuale del dj Marshmello di febbraio 2019 aveva battuto il record di partecipanti ad un concerto, così come aveva sollevato clamore la proiezione del trailer di Star Wars “L’ascesa di Skywalker” in esclusiva all’interno del gioco. Ai tempi del coronavirus Fortnite è tornato sui giornali per aver ospitato per la prima volta un tour virtuale del rapper Travis Scott. Più di 12 milioni di giocatori hanno partecipato al primo concerto, quasi 28 milioni giocatori in totale per tutte e 5 le date del tour (visualizzato per un totale di 45,8 milioni di volte).

Anche i personaggi famosi sono sempre più coinvolti nel mondo dei videogiochi. Gigi Hadid e Serena Williams hanno partecipato ad un torneo di tennis di Mario Tennis Aces trasmesso da Facebook Gaming. Il tutto per beneficenza.

Mentre i consumatori entrano in un mondo virtuale, cosa succede agli eventi? Molti vengono posticipati, alcuni annullati, altri invece decidono di sperimentare il mondo digitale. Burning Man, festival che si tiene ogni anno nel deserto del Nevada, ha deciso di entrare nel multiverso. Il mondo dei videogiochi non ha perso tempo a riprendersi dallo shock della cancellazione della fiera E3 e ha creato un festival digitale dell’industria del gaming con seminari e news per gli addetti del settore. Infine, tra il 25 e il 26 luglio più di un milione di persone sono sbarcate sull’isola digitale di Tomorrowland, il festival di musica dance elettronica che normalmente si tiene in Belgio e che invece ha deciso di diventare virtuale nel 2020 senza rinunciare ai grandi nomi della musica e diventando una best practice di evento digitale.

 

Cosa possono imparare le fiere da tutto ciò? È ancora presto per parlare di best practice fieristiche ma molti si stanno spostando verso soluzioni digitali. È infatti di settimana scorsa la notizia che l’edizione 2021 del CES sarà totalmente digitale e virtuale. Anche in Italia si stanno sviluppando piattaforme digitali e showroom virtuali. In un momento di crisi globale queste sperimentazioni sono molto importanti per capire che direzione prenderà il mondo. L’esperienza del face-to-face non si può replicare digitalmente però il mondo virtuale non deve essere messo da parte senza essere capito e studiato. In futuro potrebbe diventare uno strumento utile per amplificare l’esperienza fieristica, raggiungendo chi non può lasciare il proprio paese oppure chi non potrà permettersi di esporre in fiera. Potrebbe trasformare le fiere in vere e proprie piattaforme aperte 365 giorni all’anno, migliorando la customer journey di visitatori ed espositori.

Fiere fisiche o fiere virtuali? Il dilemma ha tenuto banco per un bel pò e il settore si era diviso in due fazioni:da un lato i fautori del virtuale sostenevano che la fiera tradizionalmente intesa sarebbe stata soppiantata dalle opportunità di connessione offerte da nuovi mondi (bastava pensare a Second Life); dall’altro i sostenitori della fiera fisica pensavano che la fiera virtuale non avrebbe mai sostituito le possibilità di incontro della fiera fisica.

Nel frattempo Second Life si è spento, importantissime piattaforme asiatiche di e-commerce sono entrate nel mondo fieristico organizzando eventi live (i pluri-citati Global Sources e Alibaba) e gli organizzatori di fiere si sono spinti verso il mondo digitale. Un esempio recente e di successo è quello di e-Pitti: ieri sono stati annunciati i risultati positivi di e-Pitti, versione online delle fiere che si svolgono a Firenze.

Il successo della versione digitale della fiera secondo Raffaello Napoleone, amministratore delegato di Pitti Immagine, sta nel dialogo tra i due tipi di fiera, perché sono ”complementari e si rafforzano a vicenda”.

Il dilemma del passato recente è stato quindi superato: non è cambiata solo la terminologia (di fiera virtuale si parla sempre meno), ma anche il modo stesso di pensare allo strumento, abolendo le contrapposizioni e lasciando spazio alle integrazioni.

In un numero recente della rivista americana Exhibitor è stato pubblicato un sondaggio condotto presso aziende che espongono e organizzano eventi sul tema: uso delle tecnologie a supporto del face to face.

Il 93% dei partecipanti dichiara di usare tecnologie per supportare le attività di marketing, soprattutto per attirare più visitatori allo stand, aumentare il numero di contatti utili, incrementare la conoscenza di marca.

E fin qui tutto bene, ma quando si passa a investigare la comprensione dell’uso di nuove tecnologie scopriamo che non sempre è tutto chiaro: il 90% ha ben in testa cosa possano fare i social media e il 70% dichiara di sapere come usare in webinar, ma la percentuale di chi dichiara di sapere come usare eventi virtuali, RFID e realtà aumentata sono rispettivamente 40%, 35%, 10%. 

Se poi si passa alla misurazione dei risultati e alla valutazione dell’efficacia di questi strumenti, ecco che solo il 29% dichiara di fissare dei parametri di valutazione.

Se volete saperne di più consiglio la lettura completa dei risultati.