archivio

Archivi tag: Informa

UBM e Informa stanno pensando a una fusione, o meglio, Informa sta per fare un’offerta per acquisire UBM. La notizia è rimbalzata ieri sera, 16 gennaio, e se l’operazione andrà in porto cambierà lo scenario dei maggiori player fieristici internazionali: il nuovo gruppo balzerebbe al primo posto della classifica dei top player per fatturato, scalzando Reed Exhibitions. I dettagli dell’operazione non sono ancora stati comunicati ufficialmente.

UBM negli ultimi anni ha sviluppato una strategia Events First, che ha condotto al disinvestimento da business considerati poco rilevanti (sopratutto editoria) e a un focus sul settore live B2B: nel 2016 ad esempio ha acquisito uno dei maggiori organizzatori asiatici (AllWorld) e in precedenza aveva acquisito Advanstar, importante organizzatore di fiere negli Stati Uniti. Informa è un colosso multinazionale che si presenta come operatore della “Knowledge and Information Economy”: il suo portafoglio comprende editoria scientifica, banche dati, strumenti di intelligence e fiere, tanto che nel 2016 ha acquisito Penton per espandersi nel mercato statunitense.

Secondo le prime stime il nuovo gruppo avrebbe un valore di 9 miliardi di sterline. Per leggere l’articolo apparso su Exhibition world cliccate qui.

AMR International ha pubblicato pochi giorni fa la classifica dei primi 20 organizzatori di fiere al mondo in base al fatturato proforma 2016: Reed continua a mantenere la testa della classifica e UBM è al secondo posto ma la distanza tra i due si è ridotta sensibilmente: mentre Reed raggiunge 1,3 miliardi di dollari di fatturato, UBM supera la soglia di 1,1 miliardi di dollari (erano 964 nel 2015). Evidentemente la strategia “Events First” sta dando i suoi frutti.

classifica-amr_2016

E a proposito di “Events First” e dell’obiettivo dichiarato di diventare il primo organizzatore di eventi B2B al mondo, è dello stesso giorno la notizia dell’acquisizione da parte di UBM di Allworld Exhibitions, organizzatore di fiere con una forte presenza in Asia (51 fiere e un fatturato di poco meno di 100 milioni di dollari). L’accordo è stato concluso alla cifra di 485 milioni di dollari.

C’è da aspettarsi un 2017 frizzante tra alleanze e acquisizioni? Vi terremo aggiornati, ma intanto se volete potete leggere su Exhibition World gli articoli sulla classifica dei top player e dell’acquisizione di Allworld.

 

Le fiere durano, purtroppo o per fortuna, solo pochi giorni. Ma il ruolo di facilitatore di connessioni e di business e di stimolo alla creatività può essere esteso lungo un arco temporale molto più ampio? La domanda non è nuova tra gli organizzatori, che stanno sviluppando soluzioni per rispondere al quesito.

Un esempio in questo senso viene da Informa Exhibitions, multinazionale dell’organizzazione di fiere, parte del gruppo Informa, che ha creato SupplySide Storefronts, un sito a supporto di 3 fiere per ingredienti e soluzioni nel settore della nutraceutica dove è possibile cercare prodotti, contattare fornitori e richiedere quotazioni e, infine, cercare approfondimenti sul settore. Non si tratta quindi di un marketplace trasversale sul genere Alibaba e Global, ma un sito dedicato ad un segmento che la fiera stessa aiuta a definire.

L’entusiasmo attorno all’iniziativa è molto alto in casa Informa: sono già programmate nuove piattafome online per altri settori e aumentate funzionalità dei siti. Per farvi un’idea potete visitare voi stessi il sito.

I confini tra organizzatori di fiere e organizzatori di convegni sono sempre più labili: abbiamo letto notizie su organizzatori di convegni entrati prepotentemente nel segmento fieristico e pochi giorni fa un organizzatore multinazionale ha annunciato l’ingresso nel segmento convegnistico.

Ma andiamo con ordine: Informa si può definire come uno dei principali fornitori di “conoscenza” al mondo perché fornisce accesso a basi di dati, pubblica riviste specializzate, organizza convegni e da un pò di tempo ha iniziato a organizzare fiere, pare con esiti più che positivi.  Nel 2011 il fatturato di Informa generato dalle fiere è stato di circa 160 milioni €, in crescita rispetto al 2010 (124 milioni €). Rappresenta una quota del 10% del fatturato totale (1,5 miliardi €) ma, grazie sia ad una crescita per linee interne che attraverso acquisizioni, cresce ad un tasso del 25% contro il 5% del fatturato complessivo…non male!

Più recente invece la notizia dell’ingresso di Montgomery nel segmento dei convegni: Montgomery è stato tra i primi organizzatori a diventare multinazionali e ora è presente soprattutto in Sud Africa e Gran Bretagna, ma organizza anche fiere a Hong Kong, in Nord Africa e Medio Oriente. Montgomery da poco ha annunciato la nascita di una divisione convegnistica , destinata a completare l’offerta nei settori già presidiati, ma anche ad entrare in nuovi mercati. obiettivo dichiarato: creare valore per i propri clienti