archivio

Archivi tag: UBM

UBM e Informa stanno pensando a una fusione, o meglio, Informa sta per fare un’offerta per acquisire UBM. La notizia è rimbalzata ieri sera, 16 gennaio, e se l’operazione andrà in porto cambierà lo scenario dei maggiori player fieristici internazionali: il nuovo gruppo balzerebbe al primo posto della classifica dei top player per fatturato, scalzando Reed Exhibitions. I dettagli dell’operazione non sono ancora stati comunicati ufficialmente.

UBM negli ultimi anni ha sviluppato una strategia Events First, che ha condotto al disinvestimento da business considerati poco rilevanti (sopratutto editoria) e a un focus sul settore live B2B: nel 2016 ad esempio ha acquisito uno dei maggiori organizzatori asiatici (AllWorld) e in precedenza aveva acquisito Advanstar, importante organizzatore di fiere negli Stati Uniti. Informa è un colosso multinazionale che si presenta come operatore della “Knowledge and Information Economy”: il suo portafoglio comprende editoria scientifica, banche dati, strumenti di intelligence e fiere, tanto che nel 2016 ha acquisito Penton per espandersi nel mercato statunitense.

Secondo le prime stime il nuovo gruppo avrebbe un valore di 9 miliardi di sterline. Per leggere l’articolo apparso su Exhibition world cliccate qui.

AMR International ha pubblicato pochi giorni fa la classifica dei primi 20 organizzatori di fiere al mondo in base al fatturato proforma 2016: Reed continua a mantenere la testa della classifica e UBM è al secondo posto ma la distanza tra i due si è ridotta sensibilmente: mentre Reed raggiunge 1,3 miliardi di dollari di fatturato, UBM supera la soglia di 1,1 miliardi di dollari (erano 964 nel 2015). Evidentemente la strategia “Events First” sta dando i suoi frutti.

classifica-amr_2016

E a proposito di “Events First” e dell’obiettivo dichiarato di diventare il primo organizzatore di eventi B2B al mondo, è dello stesso giorno la notizia dell’acquisizione da parte di UBM di Allworld Exhibitions, organizzatore di fiere con una forte presenza in Asia (51 fiere e un fatturato di poco meno di 100 milioni di dollari). L’accordo è stato concluso alla cifra di 485 milioni di dollari.

C’è da aspettarsi un 2017 frizzante tra alleanze e acquisizioni? Vi terremo aggiornati, ma intanto se volete potete leggere su Exhibition World gli articoli sulla classifica dei top player e dell’acquisizione di Allworld.

 

La testata Exhibition World ospita la rubrica Dealmakers, che fa il punto sulle attività di fusione e acquisizione nel settore fieristico. In questo numero è dedicato molto spazio a UBM, che ha da poco completato la vendita di PR Newswire (servizi di creazione e diffusione di contenuti stampa) per concentrarsi sulla strategia “Events first” , che punta a trasformare UBM nel “maggiore organizzatore di eventi B2B al mondo”. UBM è protagonista anche di una collaborazione con Alibaba, in una prospettiva di crescente integrazione tra online e offline.

Nel 2015 le acquisizioni sono calate rispetto al 2014 (60 contro le 75 dell’anno precedente): Cina, Messico, India e Turchia sono le nazioni che hanno registrato cali più significativi. Il calo delle acquisizioni in Cina è frutto di un mix di cause che comprendono il rallentamento economico, le tensioni generate dal ruolo di primo piano del China Foreign Trade Center e le aspettative molto alte sui valori dei deal. Gli Stati Uniti invece hanno mostrato una tendenza alla crescita,trainata dalla ripresa del mercato e dal ruolo attivo dei private equity.

Potete leggere tutto l’articolo qui.

dealmaker

 

I due più importanti organizzatori di fiere al mondo hanno comunicato i risultati di bilancio del 2014. L’intero gruppo Reed Elsevier, quindi non solo la divisione fieristica, ha chiuso il 2014 con un fatturato di 5.773 milioni di £ (7.159 milioni di €), che rappresenta una crescita del 3% dell’attività a tassi di cambio costanti ed escludendo gli effetti di acquisizioni e cessioni. Il dato riflette la crescita delle divisioni elettronica e face to face, che insieme rappresentano l’82% dei ricavi complessivi di Reed Elsevier, mentre la stampa continua a perdere terreno. L’utile del gruppo è stato pari a 1.739 milioni di £ (2.156 milioni di €), in crescita del 5%.

UBM nel 2014 ha fatturato 746,3 milioni di £, -6% se confrontato con il 2013, ma a parità di tassi di cambio e al netto degli effetti di acquisizioni e cessioni, consiste in una crescita del 3,6%. L’utile è stato pari a 179,8 milioni di £ (nel 2013 186,3 milioni di £; -3,5%). Continua a crescere il peso del portafoglio eventi, che ora rappresenta il 74% dell’utile del gruppo. Il dato riflette l’acquisizione di Advanstar, uno dei maggiori organizzatori di fiere negli Stati Uniti, completata nel dicembre 2014.

Se volete approfondire l’argomento potete leggere i comunicati stampa di Reed e UBM 

UBM Tech, parte del colosso multinazionale UBM, sta ristrutturando il suo portafoglio prodotti: dopo avere abbandonato il segmento dell’editoria tradizionale ha deciso di puntare su digitale e face to face.

E’ nato così il nuovo sito EETimes.com, rivoluzionato nella grafica e nei contenuti: più coinvolgimento della community, i contributi dei blogger hanno pari dignità rispetto a quelli della redazione, enfasi sullo scambio di informazioni, insomma UBM ha più un ruolo di moderatore che di editore.

L’obiettivo? Coinvolgere, suscitare interesse, accelerare la condivisione di conoscenza tacita (citata anche dal keynote speker dell’ultimo UFI Open Seminar in Europe, Kjell Nordström) sia online che durante gli eventi.

Interessante, ma pensandoci bene, non è forse quello che gli organizzatori di fiere fanno da sempre? Non è forse vero che nelle fiere di fatto i protagonisti sono espositori e visitatori e che l’organizzatore dà loro voce e svolge un ruolo di moderatore? In un mondo in trasformazione avere nel dna questa capacità potrebbe rappresentare un bel vantaggio

 

Il numero del 26 settembre di m+a – UFI Exhibition Newsletter riporta la notizia di un doppio appuntamento dedicato alla gioielleria a Singapore.

Nel 2013 infatti il Marina Bay Sands dal 4 al 7 luglio ospiterà la SIJS-Singapore International Jewellery Show, organizzata dal 2005 da  CEMS, Conference & Exhibition Management Services e per la quale gli organizzatori prevedono 190 espositori e 16.000 visitatori, sia B2B che B2C.

Dal 12 al 15 ottobre, invece, le porte del Marina Bay Sands si apriranno per accogliere la prima edizione di Singapore Jewellery & Gem Fair, organizzata da UBM e aperta al solo pubblico B2B. UBM aggiunge quindi un nuovo evento al suo ricco portafoglio di fiere di gioielleria, organizzate a Hong Kong, in Cina, Turchia, India e Giappone.

Entrambe le fiere saranno supportate dalla stessa associazione di settore e dalla Borsa dei diamanti di Singapore.

Dal 4 al 6 settembre a Parigi si è tenuto il Global Event Summit. E’ un momento di confronto e networking organizzato dagli inglesi per gli inglesi. Tuttavia, alla terza edizione per di più questa volta sul continente, posso dire che l’evento è interessante per tutti gli operatori internazionali. D’altra parte essendo le multinazionali dell’organizzazione fieristica soprattutto inglesi –e olandesi- non c’è da stupirsi.

Quando avrò tempo mi toglierò lo sfizio di fare una ricerca storica sui legami del vecchio capitalismo mercantile dell’impero britannico e di quello anseatico del mare del nord …

Cosa si dice dalle parti di Reed, UBM, Clarion, …. ,a anche Comexposium (visto che eravamo a Parigi), Messe Frankfurt (e come possono mancare …) ? Al di là di interessanti case history e di modelli di business che funzionano o anche non funzionano, si parla di persone. Si parla di storie di uomini (e qualche donna) che hanno creato aziende e hanno vissuto avventure emozionanti, in paesi un tempo sconosciuti e oggi affermate realtà sui mercati mondiali. Ma si parla anche di uomini che oggi fanno business in paesi difficili con risultati eccezionali data la crisi –la Grecia (!), l’Ucraina- con grande dignità e senso del proprio luogo di appartenenza. Persone che si preoccupano di dare una continuità alle loro imprese, sia che si tratti di multinazionali che di piccole realtà. Un leit motive infatti era: dove prendete le persone ? come le fate crescere ? come  promuovere l’immagine della nostra industria nei confronti delle università e dei giovani più promettenti ?

Vi diamo appuntamento al prossimo post sui corsi di Accademia di Fiera Milano e a quelli sulle attività dell’UFI Education Committee